TRAVERSATA DELLE MARMAROLE

TRAVERSATA DELLE MARMAROLE

dal 05-07-2021 al 09-07-2021

                   TRAVERSATA DELLE MARMAROLE

Sei alla ricerca di tranquillità, avventura, panorami mozzafiato dove poter metterti alla prova??Hai trovato la vacanza giusta…. Cinque giorni immersi nella natura, isolati da tutto e da tutti traversando valloni, valicando forcelle su sentieri poco visibili, superando tratti attrezzati…Le notti passate in tenda sempre sopra i 2000m cucinando prelibatezze locali…

Il dislivello complessivo supera i 3200m positivi, ma la nostra super organizzazione ci permetterà di viaggiare leggeri con lo stretto necessario per la singola giornata… Tutto il resto verrà fatto trovare sul posto al nostro arrivo per il bivacco!!

Le Marmarole sono un gruppo dolomitico situato nel centro Cadore, in provincia di Belluno e si sviluppano da ovest a est partendo da forcella Grande ed arrivando fino al monte Ciarido  sopra l’altipiano di Pian dei Buoi. La cima più elevata è il Cimon del Froppa (2932m) situato nelle Marmarole centrali. L’itinerario da noi proposto si sviluppa in gran parte  sull’impegnativa alta via n°5 detta del Tiziano.

 

PROGRAMMA:

 

  1. GIORNO: Partenza dal rifugio Ciareido 1969m salita alla forcella S. Lorenzo. Percorso attrezzato Amalio Da Prà fino alla forcella S. Pietro e discesa al rifugio Baion per pranzo.

Per sentiero 262 in direzione del rifugio Chiggiato con possibilità di salire in vetta alla Cresta d’Aiaron 2310m con splendide vedute sull’Antelao e Spalti di Toro.

Arrivo al rifugio Chiggiato 1911m e pernottamento.

NOTE: Giornata di ambientamento, dedicata per il controllo delle attrezzature e materiali propedeutica per i giorni successivi.

 

DISLIVELLO:800m       DIFFICOLTA’ GLOBALE:media     TEMPO:6 ore

 

  1. GIORNO: Dal rifugio Chiggiato per sentiero 260 con tratti esposti e molti passaggi attrezzati si raggiunge forcella Jau della Tana 2600m per poi scendere lungo i Lastoi delle Marmarole al bivacco Tiziano 2246m. Dopo una meritata pausa si risale per un attimo la Val Longa per valicare poi la cresta del Tacco del Todesco 2644m e ridiscendere nel Meduce de Fora nei pressi del bivacco Musatti 2111m dove è predisposto il posto da bivacco con tutti i viveri necessari per il ristoro e la notte.

 

NOTE: Giornata lunga e faticosa ma con scenari spettacolari…Flora e fauna non mancano!! I lastroni delle Marmarole sono il regno degli stambecchi.

 

DISLIVELLO:1200m       DIFFICOLTA’ GLOBALE: difficile     TEMPO:8 ore

 

  1. GIORNO: Dal Meduce di Fuori passando per la forcella del Mescol 2420m con numerosi tratti esposti ma ben attrezzati si raggiunge il Meduce de Inze” e successivamente la forcella di Croda Rotta 2590m con ancora numerosi tratti attrezzati.

 Da quest’ultima si passa sotto la caratteristica Torre Frescura e dopo essere scesi un centinaio di metri si risale per lungo traverso fino ai piedi della Cresta Vanedel 2540m. Ora con discesa ripida ed esposta si raggiunge l’omonima forcella 2372m situata ai piedi della Croda de Marchi. Ora raggiriamo tutto il versante settentrionale della Croda de Marchi e superati numerosi tratti attrezzati si raggiunge la “Val Granda”posto ideale per il nostro bivacco con tutti i viveri necessari per il ristoro e la notte.

 

 

NOTE: La giornata più impegnativa dell’intero trek. Il percorso non è mai banale,

per fortuna i tratti più difficili ed esposti sono ben attrezzati. Anche se il dislivello totale non è eccessivo i continui sali-scendi e lo sviluppo del percorso rendono molto faticosa questa tratta.. La natura in questo posto la fa da padrona, gli scenari sono da urlo…divertimento assicurato

 

 

DISLIVELLO:700m       DIFFICOLTA’ GLOBALE: difficile     TEMPO:10-12 ore

 

  1. GIORNO: Dalla Val Grande nel pressi del bivacco Voltolina 2082m entriamo nella Val di S. Vito passando per l’espostissima cengia del Corno del Doge fino a raggiungere la forcella Grande 2255m situata ai piedi della stupenda torre dei Sabbioni e il rifugio S. Marco 1823m,  fermata obbligata per il pranzo. Si Riparte per raggiungere la forcella Piccola 2120m situata alla base del monte Antelao 3264m e il rifugio Galassi 2018m.

Per chiudere questo splendido itinerario rimane da fare la discesa che ci porta in Val d’Oten e successivamente a Calazo di Cadore per il rientro.

 

NOTE: Percorso molto panoramico e con difficoltà contenute…

 

 

DISLIVELLO:750m       DIFFICOLTA’ GLOBALE: media     TEMPO:6-8 ore

 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

1000 euro

Equipaggiamento: nda + casco, imbracatura e kit ferrata e sacco a pelo.

La quota Comprende: Accompagnamento da parte di una Guida Alpina, mezza pensione in rifugio, cene, colazioni e tutti i rifornimenti nei bivacchi eli trasportati, noleggio attrezzatura (set ferrata).

La quota non Comprende: Assicurazione infortuni, trasporti.

 

Gruppo montuoso:Antelao-Marmarole

 

Accompagnatore:

Guida Alpina Alex Pivirotto
email:  alexpivirotto@libero.it
Telefono: 3403530388